Stressless

Home » Shop » Stressless

Prezzo

22,00 

Contribuisce positivamente al benessere fisico e mentale

  • Stressless: prodotto ayurvedico a base di estratti ad alto titolo ottenuti dalla radice di Ashwagandha e dalle parti aeree di Bacopa.
  • Svolge un ruolo positivo sull’equilibrio psico-fisico e l’armonia tra corpo e mente
  • Aiuta  l’organismo a reagire positivamente a situazioni negative e di stress.
  • Migliora la funzione cognitiva, la concentrazione, l’apprendimento, l’umore,
  • Migliora la condizione fisica e mentale, potenzia i processi creativi e la memoria, aiuta la vita sessuale.

60 compresse

 

Stressless, Integratore Alimentare Biologicamente Attivo, è un preparato Ayurveda a base di  Withania somnifera  (Ashwagandha) e  Bacopa monnieri  (Bacopa), utile in tutti i casi di ridotto apporto con la dieta o aumentato fabbisogno di componenti utili al miglioramento della condizione fisica e mentale.

Due capsule al giorno di Stressless  sono in grado di fornire Ashwagandha ES 5% in withanolidi 1200 mg, Bacopa ES 10% in 100 mg bacosidi. Ashwagandha è un estratto sapientemente formulato di Ashwagandha contenente la più alta concentrazione di principi attivi oggi disponibile.

La formulazione particolarmente equilibrata sembra svolgere un ruolo positivo nell’equilibrio psico-fisico, con piante di provata attività e grande tradizione come Ashwagandha e Bacopa capaci di migliorare la condizione fisica e mentale, aumentare le capacità e le difese dell’organismo, stimolandolo reagire positivamente a situazioni stressanti ;

Lo stress è una condizione risultante da un sovraccarico fisico o mentale esterno. Può portare nervosismo, ansia e ridotta capacità di rispondere completamente e normalmente alle richieste ambientali. L’esposizione prolungata allo stress può sbilanciare lo stato mentale e fisiologico di una persona, portando ad altre malattie come depressione, ipertensione, malattie cardiache e disturbi metabolici. Tali condizioni, radicate in fattori mentali o emotivi, stanno rapidamente aumentando di prevalenza ed emergono come principali malattie globali. Non sorprende quindi che una parte crescente della popolazione stia cercando aiuto medico per superare lo stress al giorno d’oggi. Lo stress provoca un aumento sistemico degli ormoni, come il cortisolo, che può portare a cambiamenti nel comportamento alimentare, aumento dell’adiposità viscerale, sindrome metabolica e aumento di peso corporeo.

Gli adattogeni  sono erbe che migliorano la capacità di un individuo di far fronte allo stress. Queste erbe normalizzano il processo fisiologico del corpo e aiutano il corpo ad adattarsi ai cambiamenti, diminuendo i danni indotti dallo stress, senza causare effetti negativi come sintomi di astinenza e non intaccare le normali funzioni. L’Ashwagandha è un’erba adattogena che possiede tutte le caratteristiche sopra elencate, aumenta la resistenza dell’organismo a stress e condizioni sfavorevoli di qualsiasi genere, in quanto dotata di una “azione normalizzante aspecifica”, cioè indipendente dallo stato patologico.

Potenziatori cognitivi includono qualsiasi sostanza che migliori la funzione cognitiva, inclusi concentrazione, apprendimento, memoria e umore, di solito sono molecole sintetiche con potenziali effetti collaterali negativi e le aziende farmaceutiche investono enormi risorse per identificarle. I nootropi invece sono sostanze neuroprotettive naturali in grado di alleviare disturbi debilitanti e ritardare il deterioramento mentale che affligge molte persone nel mondo e relativamente non tossiche il cui potenziale deve ancora essere sfruttato appieno. Questo declino cognitivo è associato all’età, ma anche allo stress emotivo. Diverse piante sono state selezionate nei sistemi medici tradizionali per la presenza di sostanze bioattivie naturali in gardo di aumentare la concentrazione, potenziare i processi creativi, ridurre lo stress.

Bacopa monniera  è un adattogeno popolare utilizzato nella medicina tradizionale ayurvedica, noto come “Brahmi”, è stato usato come tonico cerebrale e restauratore di condizioni debilitanti dai medici ayurvedici in India per quasi 3000 anni e classificato come medhyara sayana, che viene utilizzato per migliorare memoria e intelletto (medhya).

In Ayurveda, l’Ashwagandha è stato utilizzata come tonico adattogeno, antistress e nootropico per il trattamento della debolezza generale, dell’esaurimento nervoso, dell’insonnia e delle disfunzioni della memoria. È stato raccomandato come farmaco naturale per disturbi neurologici come lesioni cerebrali traumatiche, tumori cerebrali e disturbi neurodegenerativi. I costituenti attivi sono alcaloidi steroidei e lattoni.

La Bacopa monnieri , pianta appartenente alla famiglia delle Scrophulariaceae, è da tempo utilizzata nel sistema tradizionale della medicina ayurvedica per migliorare l’intelligenza, l’apprendimento, la concentrazione e la memoria. Diverse meta-analisi hanno esaminato e validato l’efficacia di Bacopa monnieri nel trattamento delle prestazioni cognitive e nella prevenzione del rischio di demenza negli anziani. Bacopa monnieri migliora le prestazioni cognitive stimolando la sinaptogenesi in diverse aree della corteccia cerebrale e modulando la neuroplasticità nel cervello. È in grado di aumentare le protein chinasi e le neurotrofine, una famiglia di proteine ​​che determinano la sopravvivenza, lo sviluppo e la funzione dei neuroni. con effetti di potenziamento cognitivo nell’uomo in diversi studi clinici.

L’attività nootropica dell’estratto è stata attribuita alla presenza di due saponine, il bacoside A e il bacoside B. Il bacoside-A ha mostrato una potenziale applicazione per il trattamento di malattie amiloidi, come il morbo di Alzheimer. I bacosidi hanno mostrato una potente azione antiossidante e neuroprotettiva.

Per la prima volta viene proposto e commercializzato un preparato a base di questa combinazione di erbe e principi attivi in ​​una miscela.

Ashwagandha

L’Ayurveda è una delle più antiche tradizioni mediche praticate in India, Sri Lanka e altri paesi dell’Asia meridionale e ha una solida base filosofica e scientifica. L’Ayurveda ha diverse formulazioni per la gestione dello stress e delle condizioni fisiche e mentali.

In Ayurveda, l’Ashwagandha è stato utilizzato come adattogeno, tonico antistress e per il trattamento della debolezza generale. Queste evidenze cliniche sono state validate scientificamente in diversi studi.

In modelli sperimentali come il test di resistenza al nuoto forzato nei ratti, ha mostrato una maggiore resistenza e prevenendo le variazioni dell’acido ascorbico e del cortisolo nella ghiandola surrenale in seguito allo stress indotto. In modelli di patologie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson in cui il principale deterioramento funzionale è dovuto all’interruzione della rete neurale e alla morte prematura dei neuroni, l’estratto di Ashwagandha ha mostrato un buon potenziale terapeutico portando alla formazione di dendriti e all’induzione del sonno e del rilassamento con azione simile al GABA.

Il cervello è molto sensibile allo stress: anche uno stress lieve e incontrollabile può causare una rapida e drammatica perdita delle capacità cognitive. Lo stress ossidativo contribuisce a un’ampia gamma di disturbi cerebrali e demenza tra cui il morbo di Parkinson, l’Alzheimer e la malattia di Huntington. Gli estratti di Ashwagandha hanno un’enorme capacità di proteggere le cellule neuronali da diversi tipi di fattori di stress che alterano la funzione cerebrale portando a disturbi della memoria, cognizione e predisponendo a ictus e malattie neurodegenerative.

Bacopa

Studi in vivo, la somministrazione cronica di Bacopa ha inibito la perossidazione lipidica nelle regioni prefrontali della corteccia, dello striato e dell’ippocampo del cervello, attraverso un meccanismo d’azione simile alla vitamina E. Negli astrociti dei roditori, il trattamento con Bacopa ha determinato una significativa riduzione del danno causato da alte concentrazioni di ossido nitrico. Inoltre, diversi studi hanno suggerito che i componenti bioattivi della Bacopa proteggono il cervello dal danno ossidativo e dal declino cognitivo legato all’età con diverse modalità di azione e causano un aumento della memoria. Il miglioramento dell’azione cognitiva è stato attribuito all’aumento dell’attività di scavenging dei radicali liberi da parte dei bacosidi.

L’azione antiossidante è correlata anche agli effetti neuroprotettivi e di potenziamento della memoria, Bacopa è in grado di diminuire la formazione di perossidi e controllare lo stress ossidativo a livello dei neuroni. Tommaso et al. hanno mostrato che i bacosidi A e B esercitano un’azione neuroprotettiva ripristinando il recettore della dopamina D1, abbondante nel sistema nervoso centrale, con la funzione di stimolare l’adenilato ciclasi e di attivare indirettamente la protein chinasi A, stimolando il neurone e regolando la crescita e lo sviluppo neuronale e alcune risposte comportamentali .

Bacopa monnieri potrebbe essere utile nella neurodegenerazione legata all’età, compreso il Parkinson, nel mantenimento dell’omeostasi redox e delle attività mitocondriali. Anbarasi et al hanno valutato il ruolo neuroprotettivo del bacoside A contro lo stress ossidativo nel cervello di ratti sottoposti al fumo di sigaretta, mostrando un aumento significativo dei livelli cerebrali di glutatione, vitamina C, vitamina E e vitamina A oltre ad una maggiore attività di enzimi antiossidanti come come SOD, catalasi, glutatione perossidasi (GPx) e glutatione reduttasi (GSR).

In altri studi è stato osservato in modelli animali in cui la neurotossicità era indotta dalla colchicina e dall’acido ibotenico, un’inversione dose-correlata del deficit cognitivo. L’acroleina è un composto altamente reattivo formato come sottoprodotto della perossidazione lipidica. Non è solo un marker di perossidazione lipidica, ma funge anche da iniziatore dello stress ossidativo. Il cervello dei malati di Alzheimer mostra livelli significativamente più elevati di acroleina nell’ippocampo. L’effetto neuroprotettivo degli estratti standardizzati di  B. monnieri  contro la tossicità indotta dall’acroleina è stato studiato da Singh et al su linee cellulari di neuroblastoma umano.

  • Supporto dell’umore e dello stress
  • Supporta la salute sessuale nei maschi e nelle femmine
  • Promuove un peso corporeo sano
  • Supporta la salute cognitiva
  • Può migliorare la forma cardiorespiratoria
  • Può favorire il recupero muscolare dopo l’esercizio di resistenza
  • Promuove una migliore elaborazione cognitiva
  • Supporta l’umore e il benessere
  • Promuove una migliore memoria
  • Supporta la concentrazione e l’attenzione
  • Abedon, B. e Ghosal, S. (2008). Un estratto standardizzato di Withania somnifera riduce significativamente i parametri legati allo stress negli esseri umani cronicamente stressati: uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo.
  • Cooley, K., Szczurko, O., Perri, D., Mills, EJ, Bernhardt, B., Zhou, Q. e Seely, D. (2009). Cure naturopatiche per l’ansia: uno studio randomizzato controllato ISRCTN78958974. PLoS Uno ,  4 (8), e6628.
  • Winston, D., e Maimes, S. (2007). Adattogeni: erbe per forza, resistenza e sollievo dallo stress . Tradizioni interiori/Bear & Co.
  • Kuboyama, T., Tohda, C. e Komatsu, K. (2005). Rigenerazione neuritica e ricostruzione sinaptica indotta da withanolide A. British Journal of pharmacology, 144(7), 961-971.
  • Kulkarni, SK e Dhir, A. (2008). Withania somnifera: un ginseng indiano. Progressi in neuro-psicofarmacologia e psichiatria biologica ,  32 (5), 1093-1105.
  • Ingole, SR, Rajput, SK e Sharma, SS (2008). Potenziatori della cognizione: strategie attuali e prospettive future. CRIPS, 9(3), 42-48.
  • Kennedy, DO e Scholey, AB (2006). La psicofarmacologia delle erbe europee con proprietà di potenziamento della cognizione. Disegno farmaceutico attuale, 12(35), 4613-4623.
  • Semwal, P., Kapoor, T., Anthwal, P., Sati, B. e Thapliyal, A. (2014). Estratto di erbe come potenziale modulatore e farmaco per la plasticità sinaptica e disturbi neurodegenerativi. Int J Pham Sci Rev Res, 25, 69-79.
  • Stough, C. e Pase, MP (2015). Migliorare la cognizione negli anziani con integratori alimentari. Direzioni attuali in Scienze psicologiche, 24(3), 177-183.
  • Preethi, J., Singh, HK, Charles, PD e Rajan, KE (2012). Partecipazione alla via del microRNA 124-CREB: un meccanismo di potenziamento della memoria parallelo dell’estratto standardizzato di Bacopa monniera (BESEB CDRI-08). Ricerca neurochimica ,  37 (10), 2167-2177.
  • Saraf, MK, Anand, A. e Prabhakar, S. (2010). L’amnesia indotta dalla scopolamina è invertita da Bacopa monniera attraverso la partecipazione della via della chinasi-CREB. Ricerca neurochimica ,  35 (2), 279-287.
  • Malishev, R., Shaham-Niv, S., Nandi, S., Kolusheva, S., Gazit, E. e Jelinek, R. (2017). Il bacoside-A, una sostanza della medicina tradizionale indiana, inibisce la citotossicità β-amiloide, la fibrillazione e le interazioni della membrana. Neuroscienze chimiche ACS, 8(4), 884-891.Agarwal, S., Chaudhary, B. e Bist, R. (2017). Propensione protettiva del bacoside A e della bromelina sulle colinesterasi renali, acido γ-aminobutirrico e livello di serotonina di Mus musculus intossicato da diclorvos. Interazioni chimico-biologiche, 261, 139-144.
  • Wadhwa, R., Konar, A. e Kaul, SC (2016). Potenziale nootropico delle foglie di Ashwagandha: oltre i tradizionali estratti di radice. Neurochimica internazionale, 95, 109-118.
  • Misra, D., Maiti, B. e Ghosh, D. (2009). Protezione dello stress ossidativo indotto dal nuoto in alcuni organi vitali mediante il trattamento dell’estratto composito di Withania somnifera, Ocimum sanctum e Zingiber officinalis nel ratto maschio. Giornale africano delle medicine tradizionali, complementari e alternative, 6(4).
  • Baitharu, I., Jain, V., Deep, SN, Shroff, S., Sahu, JK, Naik, PK e Ilavazhagan, G. (2014). Withanolide A previene la neurodegenerazione modulando la biosintesi del glutatione ippocampale durante l’ipossia. PloS uno ,  9 (10), e105311.
  • Grover, A., Shandilya, A., Agrawal, V., Bisaria, VS e Sundar, D. (2012). Evidenze computazionali dell’inibizione dell’acetil colinesterasi umana da parte di withanolide a per il trattamento dell’Alzheimer. Journal of Biomolecular Structure and Dynamics, 29(4), 651-662.
  • Jansen, RLM, Brogan, B., Whitworth, AJ e Okello, EJ (2014). Effetti di cinque erbe ayurvediche sul comportamento locomotore in un modello di malattia di Parkinson di Drosophila melanogaster. Ricerca fitoterapica, 28(12), 1789-1795.
  • Choudhary, D., Bhattacharyya, S. e Joshi, K. (2017). Gestione del peso corporeo negli adulti sotto stress cronico attraverso il trattamento con estratto di radice di Ashwagandha: uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. Giornale di medicina complementare e alternativa basata sull’evidenza ,  22 (1), 96-106.
  • Chandrasekhar, K., Kapoor, J. e Anishetty, S. (2012). Uno studio prospettico, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo sulla sicurezza e l’efficacia di un estratto a spettro completo ad alta concentrazione di radice di ashwagandha nel ridurre lo stress e l’ansia negli adulti. Giornale indiano di medicina psicologica ,  34 (3), 255.
  • Pratte, MA, Nanavati, KB, Young, V. e Morley, CP (2014). Un trattamento alternativo per l’ansia: una revisione sistematica dei risultati degli studi sull’uomo riportati per l’erba ayurvedica ashwagandha (Withania somnifera). The Journal of Alternative and Complementary Medicine ,  20 (12), 901-908.
  • Bhattacharya, SK, Bhattacharya, A., Sairam, K. e Ghosal, S. (2000). Attività ansiolitica-antidepressiva di Withania somnifera glycowithanolides: uno studio sperimentale. Fitomedicina ,  7 (6), 463-469.
  • Russo, A., Borrelli, F., Campisi, A., Acquaviva, R., Raciti, G., & Vanella, A. (2003). Tossicità correlata all’ossido nitrico negli astrociti in coltura: effetto di Bacopa monniera. Scienze della vita, 73(12), 1517-1526.
  • Tripathi, YB, Chaurasia, S., Tripathi, E., Upadhyay, A. e Dubey, GP (1996). Bacopa monniera Linn. come antiossidante: meccanismo d’azione. Giornale indiano di biologia sperimentale, 34(6), 523-526.
  • Saraf, MK, Prabhakar, S., Khanduja, KL e Anand, A. (2011). Bacopa monniera attenua la compromissione della memoria spaziale indotta dalla scopolamina nei topi. Medicina complementare e alternativa basata sull’evidenza, 2011.
  • Mukherjee, S., Dugad, S., Bhandare, R., Pawar, N., Jagtap, S., Pawar, PK e Kulkarni, O. (2011). Valutazione del potenziale di spegnimento dei radicali liberi comparativo di Brahmi (Bacopa monnieri) e Mandookparni (Centella asiatica). Ayu, 32 (2), 258.
  • Limpeanchob, N., Jaipan, S., Rattanakaruna, S., Phrompittayarat, W. e Ingkaninan, K. (2008). Effetto neuroprotettivo di Bacopa monnieri sulla morte cellulare indotta da beta-amiloide nella coltura corticale primaria. Giornale di etnofarmacologia, 120(1), 112-117.
  • Thomas, RB, Joy, S., Ajayan, MS e Paulose, CS (2013). Potenziale neuroprotettivo di Bacopa monnieri e Bacoside A contro la disfunzione del recettore della dopamina nella corteccia cerebrale di ratti ipoglicemici neonatali. Neurobiologia cellulare e molecolare, 33(8), 1065-1074.
  • Anbarasi, K., Sabitha, KE e Devi, CSS (2005). Modelli dell’isoenzima della lattato deidrogenasi in seguito all’esposizione cronica al fumo di sigaretta: effetto protettivo del bacoside A. Tossicologia e farmacologia ambientale, 20 (2), 345-350.
  • Singh, R., Ramakrishna, R., Bhateria, M. e Bhatta, RS (2014). Valutazione in vitro dell’estratto di Bacopa monniera e dei singoli costituenti su enzimi umani ricombinanti monoamino ossidasi. Ricerca fitoterapica ,  28 (9), 1419-1422.
  • Ambiye, VR, Langade, D., Dongre, S., Aptikar, P., Kulkarni, M. e Dongre, A. (2013). Valutazione clinica dell’attività spermatogena dell’estratto di radice di Ashwagandha (Withania somnifera) in maschi oligospermici: uno studio pilota. Medicina complementare e alternativa basata sull’evidenza, 2013.
  • Dongre, S., Langade, D. e Bhattacharyya, S. (2015). Efficacia e sicurezza dell’estratto di radice di ashwagandha (Withania somnifera) nel miglioramento della funzione sessuale nelle donne: uno studio pilota. BioMed ricerca internazionale ,  2015 .
  • Choudhary, D., Bhattacharyya, S. e Bose, S. (2017). Efficacia e sicurezza dell’estratto di radice di Ashwagandha (Withania Somnifera (L.) Dunal) nel miglioramento della memoria e delle funzioni cognitive. Giornale di integratori alimentari, 14(6), 599-612.
  • Choudhary, B., Shetty, A. e Langade, DG (2015). Efficacia di Ashwagandha (Withania somnifera [L.] Dunal) nel migliorare la resistenza cardiorespiratoria in adulti atletici sani. Ayu, 36(1), 63.
  • Wankhede, S., Langade, D., Joshi, K., Sinha, SR e Bhattacharyya, S. (2015). Esame dell’effetto della supplementazione di Withania somnifera sulla forza muscolare e sul recupero: uno studio randomizzato controllato. Giornale della Società Internazionale di Nutrizione Sportiva, 12(1), 43.
  • Peth-Nui, T., Wattanathorn, J., Muchimapura, S., Tong-Un, T., Piyavhatkul, N., Rangseekajee, P., … & Vittaya-areekul, S. (2012). Effetti del consumo di Bacopa monnieri a 12 settimane sull’attenzione, l’elaborazione cognitiva, la memoria di lavoro e le funzioni dei sistemi colinergici e monoaminergici in volontari anziani sani. Medicina complementare e alternativa basata sull’evidenza, 2012.
  • Calabrese, C., Gregory, WL, Leo, M., Kraemer, D., Bone, K. e Oken, B. (2008). Effetti di un estratto standardizzato di Bacopa monnieri sulle prestazioni cognitive, ansia e depressione negli anziani: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Il giornale di medicina alternativa e complementare ,  14 (6), 707-713.
  • Kumar, N., Abichandani, LG, Thawani, V., Gharpure, KJ, Naidu, MUR e Venkat Ramana, G. (2016). Efficacia dell’estratto standardizzato di Bacopa monnieri (Bacognize®) sulle funzioni cognitive degli studenti di medicina: uno studio randomizzato controllato con placebo di sei settimane. Medicina complementare e alternativa basata sull’evidenza, 2016.
  • Hingorani, L., Patel, S., & Ebersole, B. (2012). Effetti cognitivi sostenuti e sicurezza dell’estratto di Bacopa monnieri standardizzato per HPLC: uno studio clinico randomizzato e controllato con placebo. Planta Medica ,  78 (11), PH22.
  • Dongre, S., Langade, D. e Bhattacharyya, S. (2015). Efficacia e sicurezza dell’estratto di radice di ashwagandha (Withania somnifera) nel miglioramento della funzione sessuale nelle donne: uno studio pilota. BioMed ricerca internazionale ,  2015.

Condividi questo Prodotto!

Titolo

Torna in cima